Home » Bookstore » Caro Direttore - Gualtiero M.F.Schirinzi

Caro Direttore - Gualtiero M.F.Schirinzi

Caro Direttore - Gualtiero M.F.Schirinzi - Europa Edizioni

Titolo: Caro Direttore
Autore: Gualtiero M.F.Schirinzi
Collana: Edificare Universi
Pagine: 252
Prezzo: 15,90
Ebook: 5,49
Isbn: 9788868547301

Formati

«Proprio per la funzione che svolgono, i vari direttori si sublimano, si trasformano in qualcosa di etereo, per diventare l’espressione di un’unica figura di direttore, un’entità astratta sovrannaturale, una divinità la cui esistenza è giustificata dalla necessità dell’uomo di comunicare»
Dalle considerazioni sull’attuale situazione politica alla gestione dei beni pubblici, dall’esaltazione del potere evocativo di alcune espressioni dialettali al semplice sfogo personale per aver smarrito la carta d’identità, questo libro è una piccola perla nata per caso, infarcita di un umorismo sottile, ma molto affilato. D’altra parte, quando si ascoltano certe notizie o ci si imbatte in determinate situazioni, la cosa più naturale del mondo sarebbe parlarne con qualcuno, scambiarsi punti di vista e dire la propria. Ma a chi? Gli amici se lo aspettano e quindi se la squagliano, la moglie ha da fare, i figli sono al computer... rimane una sola cosa da fare: impugnare la penna e scrivere ad un fantomatico Direttore di un qualche giornale.

Gualtiero Mario Francesco Schirinzi è nato a Catania nel 1940. Completati gli studi classici nella città natia, si è trasferito a Roma ove ha conseguito la laurea in Scienze Statistiche ed Attuariali presso l’Università La Sapienza. Superato l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione libera di Attuario, è stato assunto, per concorso, presso un Ente pubblico. In tale Ente ha svolto la sua carriera arrivando al conseguimento del grado di Dirigente di Ricerca. La sua produzione, durante questi anni, è stata esclusivamente scientifica. Attualmente è in pensione. Caro Direttore è la sua opera prima. Alla lettera iniziale, nata per colpa di un refuso notato su un giornale, se ne sono aggiunte altre il cui contenuto prende spunto da fatti che oscillano tra realtà e fantasia, tra il serio e il frivolo presentati, poi, con un pizzico di ironia.