Home » Bookstore » Accozzaglia di pensieri - Angelo Trupia

Accozzaglia di pensieri - Angelo Trupia

Accozzaglia di pensieri - Angelo Trupia - Europa Edizioni

Titolo: Accozzaglia di pensieri  
Autore: Angelo Trupia
Collana: Edificare Universi
Pagine: 100
Prezzo: 12,90
Ebook: 5,49
Isbn: 9788868547042

Formati


La vita dell’Individuo è l’Accozzaglia dei suoi pensieri trasformata in Azione. E la Vita dell’Umanità, nella sua Universalità e Unitarietà, è l’Accozzaglia delle singole esistenze individuali, per cui si potrebbe affermare, volendolo, che l’esistenza dell’Umanità, pur nella differenziazione assoluta della vita di ogni essere umano, nel suo insieme, non sia altro che la Quintessenza dell’Accozzaglia, cioè l’Accozzaglia delle Accozzaglie, attraverso la quale l’Umanità, necessariamente, esprime la propria Esistenza, come se tale accozzaglia necessaria dei pensieri umani, che si trasformano in azione assoluta, unica e irreversibile nella sua asfissiante necessità, sia la prova del manifestarsi di una Volontà Sconosciuta, frutto di un Pensiero Sconosciuto, che nel diventare Azione s’identificò, in un istante supremo, con l’esistenza stessa dell’Umanità che, nel vivere la propria vita, svolge la matassa del tempo divino. Questa valutazione ai confini della Realtà induce l’autore a concepire un pensiero angosciante, spaventoso e dolorosissimo: «L’Umanità vive un’esistenza a se medesima sconosciuta», pensiero che avrebbe dentro di sé la seguente conclusione che qui esplicitiamo insieme con la premessa dandogli la seguente forma inferenziale: «Se l’Umanità vive un’Esistenza a sé medesima sconosciuta, allora essa è una non-Umanità innestata in una non-esistenza». Ed ecco, allora che appare – all’orizzonte di una dimensione sconosciuta, di una dimensione spaziotemporale che precede qualunque pensiero razionale, avvolto nella nebbia silente
del Pensiero Divino, nel suo Essere-Nulla – quel pensiero dolorosissimo, tanto più doloroso in quanto inesprimibile, poiché connesso indissolubilmente all’Essere-Corpo e in questo innestato nella sua Assoluta Esistenza Inespressa, individuato dal Pensiero Pensante lungo la linea di demarcazione tra L’Essere e il Nulla: «L’Umanità non esiste perché non può sapere di esistere».

Angelo Trupia ha trascorso buona parte della sua vita nella sua città natale, Catania, dove si è laureato in Filosofia e Storia della Filosofia presso l’omonima Università, Facoltà di Lettere e Filosofia (ora Dipartimento di Scienze Umanistiche), la cui sede è l’ex Monastero dei Benedettini, Piazza Dante, con il massimo dei voti e la Lode. Ormai da qualche anno, avendone il tempo, si dedica all’arte della scrittura, nel campo che più gli è congeniale. Questa è la sua prima pubblicazione.